Pistole per Paintball: qual è la migliore?

Quest’articolo nasce per essere un valido aiuto a tutti quelli che si avvicinano al mondo del Paintball. Nelle prossime righe vi spiegheremo le caratteristiche delle armi ad aria compressa, meglio note con il termine di marcatori o pistole.
Una pistola da Paintball è un’arma nella quale è inserita una pallina di vernice gelatinosa. Quest’ultima, grazie all’energia erogata da un gas (generalmente aria atmosferica, Co2 e altri gas tra metano e butano), è lanciata a una velocità dipendente dal tipo di marcatore e dalle caratteristiche specifiche dell’arma.
Secondo il loro utilizzo derivante dalle rispettive specifiche, è possibile individuare differenti armi classificabili per legge secondo il tipo di energia erogata:
1) Armi ad aria compressa: i marcatori o pistole da Paintball che sfruttano il meccanismo dell’aria compressa, lanciano le paintballs a un’energia superiore ai 7,5 J. Tali marcatori sono definiti con il termine di “full” poiché appartengono alla macro categoria delle armi comuni, pertanto non sono di libera vendita. Esse, infatti, per essere possedute richiedono una licenza di porto d’armi. L’energia sprigionata dalle pistole da Paintball ad aria compressa si aggira intorno alla media di 20 J – 30 J. Tuttavia, questo tipo di armi può raggiungere, in alcuni casi, anche i 60 J – 70 J. Il range di efficacia delle pistole da Paintball ad aria compressa è sui 100 metri, esso può allargarsi a un massimo di 400 – -500 metri.
2) Armi ad aria compressa eroganti un’energia inferiore ai 7,5 J: tali pistole sono anche dette “depotenziate”. Questo tipo di marcatori da Paintball sono di libera vendita, pertanto per il loro acquisto non è richiesto alcun tipo di licenza. L’unico neo è che, per poter comprare una pistola depotenziata, è necessario aver compiuto il diciottesimo anno di età. L’energia erogata da queste armi è variabile secondo i modelli specifici e del tipo di propulsione utilizzata. Generalmente è possibile confermare che le carabine erogano un’energia pari a 7 J, invece le pistole arrivano ai 3 J – 4J. Il range di efficacia minimo è di circa 30 metri, quello massimo arriva anche ai 200 metri.
3) Armi ad aria compressa che erogano un’energia minore di 1 J: questo tipo di marcatori sono definite anche come armi giocattolo. Esse, infatti, sono generalmente utilizzate per simulare situazioni all’interno di scenari di guerra. Questo tipo di armi possiede una capacità di tipo offensivo molto bassa, tuttavia è sempre molto importante possedere le protezioni idonee al caso. Tra i modelli più noti delle armi ad aria compressa di bassa energia vi sono la Colt M4, la Beretta 92FS, la AK74, la Glock 18C etc. L’efficacia di queste armi copre un range di 10 metri minimo e un massimo di 40 metri. Ricordiamo che per range di efficacia s’intende, in gergo delle armi da Paintball, fino a dove la pallina può arrivare, per cui è molto importante scegliere bene il posto in cui si utilizzano queste armi.
Come si stabilisce la precisione di un’arma da Paintball?
Le carabine sono le armi più precise in assoluto, assieme a quelle a canna fissa. La loro energia erogata è vicina ai 7,5 J, facendo sì che la pallina viaggi a 170 m/s. Le pistole che funzionano a C02 sono molto meno precise delle spinger, questo è dovuto al fatto che il C02 è notoriamente molto sensibile alle temperature e possiede, inoltre, una canna molto corta. La velocità della pallina è di circa 120 m/s. Tali specifiche sono dovute al fatto che le armi da Paintball sono ideate per realizzare scontri di tipo ravvicinato, per cui sono definite ottime anche quelle armi che viaggiano a 90 m/s, con una precisione di 10 metri e una rosata di 15 centimetri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *