Tutto sulla manutenzione dei fucili da Paintball

Il Paintball è uno degli sport che sta facendosi spazio all’interno di una realtà piuttosto particolare com’è quella del contesto italiano. Tale sport richiede una particolare attrezzatura composta non solo da un abbigliamento idoneo, ma anche da armi da sport specifiche come ad esempio i fucili, noti anche come pistole o marcatori. Affinché tali strumenti rendano al 100% è opportuno provvedere ad una costante e precisa manutenzione affinché non siano rovinati dall’usura o da uno scorretto utilizzo.

Quali sono le modalità per avviare una manutenzione completa dei fucili da Paintball?
All’atto dell’acquisto di un fucile, generalmente, riceviamo con tutti i ricambi anche il libretto d’istruzioni. Tuttavia esso non è particolarmente utile per capire quali sono le tecniche di manutenzione del fucile, il libretto ci fornisce solo il disegno spiegato di come pulire la canna con lo scovolo ricevuto in dotazione e come spruzzare qualche goccia di silicone all’interno del foro deputato ad accogliere i pallini.
Tra le modalità di cura del vostro fucile da Paintball vi sono alcuni accorgimenti da adottare per i quali il vostro strumento durerà a lungo.

Ecco i sei più importanti:
1) Ridurre l’Hop-up a zero
2) Posizionare il fucile sul colpo singolo
3) Tirare almeno due volte a vuoto così da distendere la molla
4) Eliminare quanto prima la batteria e metterla a scaricare
5) Laddove il vostro fucile è bagnato, asciugarlo con cura e lasciarlo all’aria
6) Eliminare i pallini da condotto dei caricatori mediante l’utilizzo della levette posta accanto alla bocca.
Per una manutenzione di tipo ordinario vi sono 4 azioni da compiere:
1) Spruzzare lo spray al silicone nel foro di caricamento. Tale operazione va compiuta ogni due giochi al massimo, a patto che non vi siano altri tipi di problemi. Se avete un fucile che va sott’acqua, fate sempre una spruzzata di silicone.
2) La pulizia della canna è un’altra operazione importante: essa va compiuta poggiando un pezzo di carta che assorbe nelle asole della bacchetta, avendo cura di sfregare la canna così da spalmare lo spray sull’intera superficie della stessa. Il fondo della canna, invece, va pulito con una carta pulita ruotando la bacchetta per sfregare contro l’hop-up sul quale generalmente si deposita lo sporco.
3) Pulire i caricatori all’esterno, dopo averli svuotati al termine del gioco, spruzzando dell’aria secca spray sulla camera e sul condotto dei pallini. L’aria secca spray è quella utilizzata anche per pulire i computer.
4) Infine, è importante dedicare qualche minuto per la pulizia della rotella. Essa va compiuta smontando il caricatore ed estraendo il meccanismo dalla box metallica e soffiandoci sopra.
La manutenzione straordinaria dei fucili da Paintball è quella che si fa quando lo strumento è stato fermo per mesi oppure quando l’arma è appena acquistata.
Le principali operazioni da compiere per svolgere una manutenzione straordinaria sono 3:
1) Pulire la canna e spruzzare così come descritto in precedenza. Controllare la guarnizione dell’Hop-up che, essendo in gomma, rimasta ferma per lungo tempo, può seccarsi o divenire appiccicosa.
2) Se il fucile è nuovo, provate a sparare almeno una cinquantina di colpi singoli, così da far rinvenire l’Hop-up. Questo è il momento per regolare anche il mirino.
3) In caso di fucile rimasto fermo per molto, si consiglia di fare ugualmente l’operazione di cui sopra ma solo per una decina di colpi. In questo caso, gli ingranaggi sono già segnati tra loro e le dentature sono adattate.
Si consiglia, infine, di fare particolare attenzione ai prodotti utilizzati per la pulizia e la manutenzione in generale. Per quanto riguarda lo spruzzo che si fa all’interno, è importante non siano mai prodotti per armi poiché sono troppo aggressivi per i componenti utilizzati per realizzare i fucili da Paintball.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *